• Home
  • Baldi & Partners News
  • TRANSFER PRICING: Nuovi indirizzi operativi sull’individuazione dell’intervallo di libera concorrenza

Baldi & Partners News – Notiziario Settimanale

  • 27 Maggio 2022

TRANSFER PRICING: Nuovi indirizzi operativi sull’individuazione dell’intervallo di libera concorrenza

Con la circolare n. 16/E del 24 maggio 2022, l’Agenzia delle Entrate ha fornito importanti istruzioni operative riguardanti l’intervallo di libera concorrenza, tema centrale nella disciplina del Transfer pricing. Secondo le Linee Guida OCSE, a cui fa riferimento la Circolare, tale intervallo è formato dagli indicatori finanziari selezionati in applicazione del metodo di transfer pricing più appropriato alle circostanze del caso e relativi a transazioni indipendenti che risultino comparabili con l’operazione controllata. A seconda del metodo utilizzato, tali indicatori possono essere indici di bilancio (ad esempio l’EBIT %), prezzi di vendita, marginalità lorda, … . Se l’analisi risulta affidabile, l’intero intervallo di valori ottenuto (cd. “full range”) è da considerare conforme al principio di libera concorrenza. Se, invece, le transazioni indipendenti individuate con l’analisi non dovessero avere lo stesso grado di comparabilità con l’operazione controllata, è necessario restringere l’intervallo facendo riferimento a determinati strumenti statistici, quali tipicamente la c.d. analisi interquartile. Sia in caso si usi il “full range” sia nel caso in cui si adotti l’intervallo interquartile, tutti i valori contenuti all’interno dell’intervallo devono essere considerati conformi al principio di libera concorrenza. Pertanto, in sede di verifica, non sarà più ammessa la diffusa prassi dell’Ufficio di adeguare il pricing delle transazioni infragruppo ad un particolare valore all’interno del range, quale tipicamente il valore mediano. Qualora invece una transazione con parti correlate dovesse avvenire a valori esterni all’intervallo, come ad esempio una cessione di beni ad una controllata estera ad un prezzo inferiore al valore minimo dell’intervallo, è riconosciuta al contribuente la facoltà di fornire idonea documentazione a prova che la transazione è avvenuta comunque a valori di valori (facoltà che era già comunque prevista nelle Linee Guida OCSE).


resta aggiornato
in tempo reale

C.F. e P.I. 00734370356

© Baldi&Partners. All rights reserved.
Powered by AgM Srl.