Skip to main content

Baldi & Partners News – Notiziario Settimanale

  • 10 Marzo 2023

IMPOSTA DI REGISTRO: enunciazione prestito soci senza imposta di registro

Come noto, l’art. 22 del D.P.R. n. 131/1986 (Testo unico dell’imposta di registro) prevede che se in un atto soggetto a registrazione sono enunciate disposizioni contenute in atti scritti o contratti verbali non registrati, anche queste ultime disposizioni sono soggette a registrazione. I requisiti, perché ciò avvenga, sono i seguenti: -la concreta citazione, in un altro atto da registrare, di un atto non registrato; -che i due atti siano realizzati dalle stesse parti; – (limitatamente ai contratti verbali) che gli effetti delle disposizioni enunciate non siano già cessati o non cessino in virtù dell’atto che contiene l’enunciazione. Con due recenti sentenze (n. 3839 e n. 3841, entrambe dell’8.2.2023) la Cassazione si è occupata degli atti che prevedono il ripianamento di perdite, tramite rinuncia dei soci a finanziamenti pregressi. Secondo le citate sentenze, nel caso di specie, non ricorrerebbero le condizioni per la tassazione degli atti enunciati, in quanto il finanziamento pregresso cesserebbe i suoi effetti a seguito della rinuncia alla restituzione del credito da parte dei soci, circostanza che farebbe venir meno la terza condizione richiesta dalla legge per l’applicazione dell’imposta all’atto enunciato.


resta aggiornato
in tempo reale

C.F. e P.I. 00734370356

© Baldi&Partners. All rights reserved.
Powered by AgM Srl.