Baldi & Partners News – Notiziario Settimanale

  • 10 Giugno 2022

DIRITTO DEL LAVORO: prestazione occasionale e comunicazione preventiva

Affinché una prestazione lavorativa possa essere qualificata come vero e proprio lavoro “nero” sono necessari due presupposti: -la subordinazione tra il soggetto che ha svolto l’attività lavorativa e chi lo ha effettivamente impiegato; -l’assenza di comunicazione preventiva di instaurazione del rapporto di lavoro. Con la nota n. 856/2022, l’Ispettorato ricorda che il trattamento sanzionatorio e la procedura di contestazione della sanzione, di norma sono precedute dalla “diffida” (art. 13 del D.Lgs. n. 124/2004), finalizzata alla regolarizzazione del lavoratore in “nero”, ad eccezione di clandestini, minori in età non lavorativa e percettori di reddito di cittadinanza. I principi suesposti si applicano anche al lavoro autonomo occasionale, previsto dall’art. 2222 del Codice civile, in assenza della prevista “comunicazione preventiva” di avvio della prestazione.


resta aggiornato
in tempo reale

C.F. e P.I. 00734370356

© Baldi&Partners. All rights reserved.
Powered by AgM Srl.